Dalla Romania ai Balcani, il Natale in Tavola

La Sarmale è la pietanza principale delle festività natalizie, che si trova in buona parte dei Paesi dell’Europa dell’Est, dalla Romania ai Paesi dei Balcani, fino alle pendici del Caucaso e all’Uzbekistan.

Il nome varia, come variano le spezie e le verdure che lo condiscono, anche se la base è unica: foglie di verza e carne di maiale. La Sarmale (anche Sarmi o Sarma) consiste, infatti, in involtini di carne di maiale macinata in foglia di verza e unita al riso; in genere speziato con paprika o peperoncino, e condito con rafano o la panna acida.

Si tratta di un piatto della tradizione contadina, come si desume dagli ingredienti. Preparato in genere in inverno, perchè molto sostanzioso, è un mix di sapori europei ed orientali che affonda le proprie radici nella cultura ottomana.

Da Trieste ad Istanbul, dal Danubio (e anche più su) alle coste dell’Egeo, compare, infatti, sulle tavole natalizie di diversi Paesi dell’area. In Serbia al posto della verza si usa il cavolo cappuccio inacidito nell’aceto. In Romania si serve genralmente con un poco di salsa di pomodoro e polenta.

Le varianti delle Sarmale sono molte, noi qui proponiamo una ricetta rumena.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top